[an error occurred while processing this directive]
diff logo Informatica e sistemi alternativi
su questo sito sul Web
    Home   Chi siamo    Contattaci    Scrivi per diff    Proponi un argomento 01/06/23
    Cos'è diff    Come accedere    F.A.Q.    Promuovi    Dicono di diff    Amici di diff    
AmigaOS
Linux
FreeBSD
BeOS
OpenSource
Java
Database
Informatica
Hardware
E-Commerce
Narrativa

World of Amiga '99: l'ottimismo di casa
di Vanni Torelli

Gli stand commerciali

Gli espositori commerciali, produttori diretti di hardware e software, rivenditori specializzati, e non specializzati ma sempre utili, ricalcavano fedelmente il volto del mercato Amiga britannico.
Alcune presenze illustri Francia, Germania, Italia e Stati Uniti, molte delle quali ospitate all'interno di stand più grandi, sono bastate a conferire un respiro europeo allo "spirito di Amiga", in attesa che l'occhio del ciclone si sposti nuovamente negli Stati Uniti come alle origini.

Tra i maggiori contributori all'organizzazione della manifestazione, la nuova realtà del panorama editoriale, AmigActive, nata dallo sforzo congiunto di un'agguerrita compagnia di DTP di provata fede amighista e alcuni nomi noti del giornalismo specialistico anglosassone.
In attesa del primo numero, previsto per Settembre con cover CD, la redazione ha già reso attivo un sito Internet di supporto dedicato alle news e a materiale complementare agli articoli.

Presso gli spazi acquistati da AmigActive era anche possibile intravvedere alcune curiosità, come un sistema QNX in funzione su un PC e un dispositivo per applicazioni embedded con display LCD, con tanto di screen dragging sul desktop virtuale formato dai due schermi.

Non mancava nemmeno il demo del sensazionale WipeOut 2097, porting fedele dell'arcade di corse futuristiche che ha spopolato su Playstation qualche tempo fa.
Non mancava naturalmente la concorrente Amiga Format, ad ora unica rivista supersite della gloriosa scena anglosassone delle pubblicazioni dedicate ad Amiga.

Power Computing vantava uno spazio espositivo distribuito su due stand, in linea con il buon numero di novità presentate e già in vendita: gli editor di animazioni Wildfire 7 con supporto PPC e PowerMovie (in demo con un'ironica sequenza animata), lo strategy game Red Mars e gli immancabili preordini dell'Amiga OS 3.5, a poche settimane dal rilascio ufficiale.

Ospiti del distributore erano alcuni membri del team tedesco Kato Development, responsabili della scheda audio Melody 1200, dedicata ad A1200 ma forte di specifiche allo stato dell'arte, come convertitori A/D/A a 20 bit Crystal, ingressi e uscite analogiche e digitali, design impeccabile e un chip DSP (opzionale sul modello base) dedicato alla decompressione di audio MP3 in tempo reale.

Sempre in arrivo da Kato, Twister una interfaccia seriale per A1200 che promette un'implementazione perfettamente funzionante dell'handshaking hardware, in grado di minimizzare il carico di CPU durante l'attività bidirezionale della porta (e tipicamente del modem); alcuni test preliminari riporterebbero un impressionante 69 KBPS.

Parlando dei fasti passati, lo stand di Epic Marketing/Islona non poteva essere secondo a nessuno, per quantità e impatto visivo dei videogiochi presentati.
Per gli appassionati di simulazione di F1 Virtual GP sfoggiava un motore grafico 3D in texture-mapping ricco di dettagli e una velocità di gioco già ragionevole su 68030; si aggiungevano il platform 3D Tales from Heaven, in stile Super Mario 64 con grafica evocativa e Lands of Genesis, gioco di colonizzazione ambientato nello spazio.

Weird Science, altro maggiore distributore di software Amiga inglese, puntava sull'effetto Linux, con distribuzioni del popolare OS dedicate ad Amiga e magliette con slogan anti-estabilishment; da segnalare la presenza indiretta di Cloanto e Amiga Forever 3.0, pacchetto completo dedicato all'emulazione di Amiga su piattaforma Windows.
ll CD contiene ora una versione di WinUAE in grado di emulare anche il chipset AGA e le ROM ufficiali dell'OS 3.1 su file, oltre a nuove utility di supporto e un restyling generale.

In tema di connettività Internet, gli spazi di HiSoft e Active Technologies avevano i riflettori puntati sui rispettivi IBrowse 2 e Voyager 3, entrambi apparentemente sospesi nel limbo che separa una versione finale da una beta in fase di bugfixing.
Entrambi hanno una buona implementazione del Javascript 1.2, che permette ora di visualizzare correttamente i piccoli contenuti multimediali interattivi ormai presenti (anzi, dati per scontato) dalla maggior parte dei siti Web; in entrambi l'interprete HTML stato migliorato e aggiornato alla versione 4, con effetti visibili nel dimensionamento di tabelle e frame.
In Voyager anche un supporto embrionale (e, nella pratica, piuttosto lento) per gli oggetti in formato Shockwave.
In alternativa a Linux si proponeva nello stand HiSoft anche BeOS 4.5, ricco di un nuovo set di driver.

Gli ambasciatori francesi erano naturalmente quelli di Ateo Concepts, sviluppatori dell'Ateo Bus per A1200 e della scheda grafica Pixel64 basata su chip Cirrus Logic a 24 bit.
Il numero di dispositivi plug-in per Ateo Bus in espansione secondo le aspettative: alle seriali e parallele in varie dotazioni (AteoPar e AteoSer) si aggiungeva in fiera AteoIO, scheda di rete Ethernet 10 Mbit compatibile con le specifiche Sana-II fornita di connettori BNC, UTP e AUI a seconda della versione.
Gli sviluppatori hanno mancato di alcune settimane la presentazione di AteoSCSI e AteoIDE, rispettivamente interfaccia SCSI 1/2 ed espansione modulare di porte E/IDE; annunciata invece per Settembre una versione Zorro III della Pixel64 con bridge PCI attivo per la connessione di una scheda grafica 3D.

Con il quartetto di tool grafici MotionStudios e alcuni impressionanti progetti di porting (Shogo e Heretic II, due nomi che dicono già tutto), lo spazio di Titan Computer avrebbe potuto guadagnarsi una folla discreta.

Sfortunatamente, tutto ci che era possibile visionare era un rolling demo dei due giochi, per la verità fatto girare su PowerMac.
Già pronto per il rilascio NCoder, un encoder commerciale di file Mpeg Audio (MP3), basato su algoritmi ottimizzati per 680x0 o PPC (sotto PPC.lib o WarpOS), con un'enfasi particolare sulla velocità di compressione; su un sistema con 68060 e PPC la velocità supera anche del 30% la soglia del rapporto 1:1 tra durata e tempo di codifica.
Il pacchetto comprende anche una versione speciale di BurnIt che rende possibile realizzare file MP3 direttamente a partire da CD audio.

Alive Mediasoft presentava alcuni dei nuovi titoli: Moonbases (strategy), Turbo Racer 3D (simulazione automobilistica), Phoenix Fighters (shoot'em up); RamJam Consultants era presente con il filesystem alternativo PFS3; Eyetech Group era un rivenditore specializzato fornito di buone scorte di hardware Amiga.

Interessante infine la presenza di alcuni nomi del software Amiga legati a prodotti innovativi (Paul Nolan e il suo affollatissimo spazio demo di Photogenics 4.1) o leggendari (Greg Perry e Directory Opus 5.5).


 
 

AMIGA


Vanni Torelli
studente di Ingegneria Elettronica presso University of London.
Ex-collaboratore di Amiga Magazine e tecnico del suono, si interessa di applicazioni di audio digitale nel campo della composizione e produzione musicale.

Puoi contattare l'autore scrivendo a:
vanni@diff.org


 



© 1999,2000,2001,2002 NonSoLoSoft di Ferruccio Zamuner (Italia)- tutti i diritti sono riservati